Webdisclosure.com

Search

GOLDING CAPITAL PARTNERS GMBH Golding entra nel mercato a impatto con un fondo globale di private equity da 300 milioni

Directive transparence : information réglementée

28/09/2021 08:30

DGAP-News: Golding Capital Partners GmbH / Parola (s): Espansione
Golding entra nel mercato a impatto con un fondo globale di private equity da 300 milioni

28.09.2021 / 08:30


Golding entra nel mercato a impatto con un fondo globale di private equity da 300 milioni

  • Questa strategia di investimento è incentrata su obiettivi a impatto ecologico e sociale
  • Investimenti focalizzati in Europa, America del Nord e nei mercati emergenti
  • Gli investimenti vertono su energie rinnovabili, efficienza nell'impiego delle risorse, tecnologie agricole sostenibili e servizi finanziari
  • Rendimento atteso compreso tra il 12 e il 14 percento del tasso interno di rendimento netto (TIR)

Monaco di Baviera, 28 settembre 2021 - Golding Capital Partners accelera lo sviluppo strategico nel ramo degli investimenti a impatto e lancia il suo primo fondo di fondi istituzionale a impatto. Con il "Golding Impact 2021", l'asset manager di Monaco di Baviera punta a perseguire una strategia di investimenti a impatto orientata a livello globale alla private equity, con obiettivi di sostenibilità, ambiziosi e concretamente misurabili in ambito ecologico e sociale, strettamente collegati tra loro. Il nuovo fondo è incentrato su aziende in Europa, America del Nord e nei mercati emergenti con modelli di business trasformativi per i settori dell'energia rinnovabile e dell'efficienza nell'impiego delle risorse (35 percento), per la tecnologia agraria sostenibile (35 percento) e per i servizi finanziari e altri settori sostenibili (30 percento). Golding prevede un TIR netto compreso tra il 12 e il14 percento e ha in programma un fondo con un volume di investimenti pari a 300 milioni di euro. Ai sensi dell'informativa di sostenibilità dei servizi finanziari (SFDR), l'asset manager di Monaco di Baviera ha classificato inizialmente il suo nuovo fondo a impatto come fondo tradizionale ("light green plus") secondo quanto riportato nell'articolo 8+, ma in una prospettiva a lungo termine, desidera puntare a un futuro riconoscimento come fondo secondo l'articolo 9 ("dark green").

"L'impact investing non è solo il futuro, ma offre fin da subito enormi opportunità per gli investitori istituzionali. Le decisioni che prendiamo riguardo agli investimenti possono portare a cambiamenti concreti e sostenibili in un processo di trasformazione globale, creando al tempo stesso un enorme valore, con un rendimento adeguato. In questo, la sfida maggiore sta nell'avere accesso ai migliori partner per il fondo obiettivo, sempre in un contesto di diversificazione. Crediamo di poter offrire un valido contributo per raggiungere gli obiettivi di sviluppo delle Nazioni Unite sulla base dei risultati di impact investing ottenuti negli anni con i nostri investitori", ha commentato il dott. Andreas Nilsson, direttore generale e responsabile dell'impact investing presso Golding.

"Perciò il portfolio che creiamo per i nostri investitori è costituito da investimenti selezionati con cura a favore di aziende che si contraddistinguono dal punto di vista ecologico o sociale e per la loro crescita sostenibile. Questi investimenti devono soddisfare fin dal primo giorno gli obiettivi di impatto concordati. Poiché per noi è estremamente importante che il reporting sulle aziende incluse nel portfolio al di fuori dell'Europa soddisfi al 100 percento gli standard SFDR, partiamo con un approccio tradizionale, in conformità con l'articolo 8+ e ci classifichiamo come "light green plus". Con i nostri fondi obiettivo lavoreremo attivamente per raccogliere dati in modo uniforme e stendere regolarmente rapporti per raggiungere lo status previsto dall'articolo 9", ha aggiunto l'amministratore delegato Hubertus Theile-Ochel.

Jeremy Golding, fondatore e amministratore delegato di Golding Capital, ha commentato: "Per noi, il primo fondo a impatto è la logica continuazione e pratica attuazione della nostra pluriennale filosofia ispirata alla sostenibilità. Dal 2013, siamo firmatari dei principi di investimento responsabile delle Nazioni Unite (UN PRI) e presto aderiremo anche ai principi operativi della gestione dell'impatto. Questo è solo uno dei tanti passi che ancora abbiamo di fronte come azienda, lungo il nostro percorso per essere un asset manager sostenibile. L'azienda si è posta come obiettivo anche di raggiungere la neutralità carbonica entro il 2025. Come vedete, questo approccio non è solo limitato ai prodotti di impact investing."

Minimizzazione del rischio tramite una vasta diversificazione e un rigoroso processo di due diligence

La strategia del "Golding Impact 2021" prevede lo sviluppo di un portfolio ampiamente diversificato tra settori, regioni e aziende in fasi di sviluppo diverse. Sono previsti investimenti in circa 15 fondi obiettivo e co-investimenti selezionati ai fini della diversificazione. In questo, Golding rispetta un rigoroso processo di due diligence per la scelta degli investimenti e ha sviluppato un sistema ingegnoso di gestione dell'impatto con il quale è possibile definire esplicitamente e rendere quindi verificabili gli obiettivi di impatto misurabili di ciascun investimento.

Le aziende destinatarie del "Golding Impact 2021" provengono principalmente da tre settori: "Soluzioni green", "Soluzioni di tecnologia agroalimentare" e "Soluzioni finanziarie inclusive".

Le "Soluzioni green" comprendono le tecnologie e i modelli di business che contribuiscono alla decarbonizzazione dei processi economici o all'adattamento al cambiamento climatico. Nei mercati obiettivo maturi, ciò riguarda soprattutto i settori dell'efficienza energetica, la modernizzazione dell'infrastruttura della rete e dei sistemi per l'accumulo dell'energia e i trasporti sostenibili. Nei paesi emergenti, si tratta invece di slegare il concetto di crescita economica al consumo di risorse. In questo contesto, l'accessibilità economica e l'ampio accesso sociale a queste tecnologie, per esempio attraverso impianti elettrici solari ibridi nei villaggi, svolgono un ruolo decisivo nella scelta dell'investimento.

Le "Soluzioni di tecnologia agroalimentare" riguardano metodi innovativi che hanno come obiettivo un'industria agraria, forestale e alimentare più sostenibile. Ciò include, tra le altre cose, la possibilità di garantire a lungo termine la qualità del terreno e dell'acqua o l'introduzione di sementi più fruttuosi e resistenti. Anche gli approcci digitali possono contribuire a sviluppare strutture organizzative più efficienti per gli agricoltori, per esempio attraverso l'uso condiviso di macchine ad alta intensità di capitale o una gestione moderna della catena di approvvigionamento.

Le "Soluzioni finanziarie inclusive" comprendono le soluzioni moderne per semplificare considerevolmente l'accesso ai servizi finanziari, consentendone l'accesso anche a un maggior numero di persone nei paesi emergenti. Il limitato accesso ai classici servizi bancari, da un lato, pone un freno allo sviluppo economico in generale in molti paesi emergenti e, dall'altro, intralcia spesso la sicurezza finanziaria di base per le emergenze, dei singoli individui. Le aziende di tecno-finanza offrono alternative digitali in ambiti quali le assicurazioni, le transazioni senza contanti e l'erogazione di crediti.

Il "Golding Impact 2021" è strutturato come il fondo lussemburghese SCS SICAV-FIAR e si rivolge a investitori istituzionali a partire da una somma minima di cinque milioni di euro.

Golding Capital Partners GmbH - Chi siamo

Golding Capital Partners GmbH è uno degli asset manager indipendenti, leader in Europa nel ramo degli investimenti alternativi, in particolare nelle classi di attività per infrastrutture, debito privato, private equity e investimenti a impatto. Con un team di oltre 130 collaboratori nelle sedi di Monaco di Baviera, Londra, Lussemburgo, New York, Tokio e Zurigo, Golding Capital Partners offre il suo supporto a investitori istituzionali e professionali nello sviluppo della loro strategia di investimento e gestisce un patrimonio di circa 11 miliardi di euro. Tra gli oltre 200 investitori si annoverano enti di previdenza, assicurazioni, fondazioni, family office, enti ecclesiastici nonché banche, casse di risparmio e banche cooperative. Dal 2013, Golding è firmatario dei principi di investimento responsabile delle Nazioni Unite (UN PRI) e dal 2021 è membro della Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD).

Ulteriori informazioni
Golding Capital Partners GmbH PB3C GmbH
Susanne Stolzenburg Johannes Braun
Manager Marketing & Communication PR Director Real Assets
T +49 (0) 89 419 997 553 T +49 (0) 30 726276 1544
stolzenburg@goldingcapital.com braun@pb3c.com



28.09.2021 I servizi di distribuzione di DGAP comprendono informazioni privilegiate, notizie finanza e comunicati stampa.Archivio media al http://www.dgap.de


1236260  28.09.2021 

fncls.ssp?fn=show_t_gif&application_id=1236260&application_name=news&site_id=symex